Teatro in lutto: addio a Giorgio Albertazzi

Si è spento a 92 anni l'attore toscano, grande interprete di Shakespeare

Giorgio Albertazzi -

Si è spento all'età di 92 anni Giorgio Albertazzi, uno dei più grandi interpreti del teatro italiano del Novecento. Nato a Fiesole il 20 agosto 1923, l'attore e regista aveva debuttato sul palcoscenico nel lontano 1949 con 'Troilo e Cressida' di Shakespeare sotto la regia di un altro grande regista del calibro di Luchino Visconti. Due anni più tardi è avvenuto il suo debutto sul grande schermo con il film 'Articolo 519 del Codice Penale' di Leonardo Cortese. Lavorà anche in televisione interpretando alcuni sceneggiati molto in voga soprattutto negli anni sessanta come 'L'idiota e Jekyll'.

Nel cuore di Albertazzi c'è sempre stato Shakespeare tanto che, in occasione dei 400 anni dalla nascita del Bardo, debuttò nel 1964 a Londra presso il Teatro Old Vic con l'Amleto di Franco Zeffirelli e riuscì anche ad essere annoverato dal Royal National Theatre tra i più grandi interpreti shakesperiani della storia, l'unico non in lingua inglese. Ed è proprio nel segno del drammaturgo inglese che il regista toscano ha chiuso la sua carriera calcando il palcoscenico del Teatro Ghione con 'Il mercante di Venezia' insieme a Franco Castellano.

Il suo approdo a teatro è arrivato dopo una controversa esperienza politica con l'adesione nel 1943 alla Repubblica di Salò e l'arresto nel 1945 con l'accusa di collaborazionismo. Fu liberato nel '47 in seguito alla 'Amnistia Togliatti'. Lavorò anche in televisione e la sua ultima apparizione fu al programma della Rai, 'Ballando con le stelle', condotto da Milly Carlucci.

28 maggio 2016
Redazione LoSpettacolo