Gino Bartali e Fausto Coppi rivivono in teatro

A Camogli e a Castellania due spettacoli per ricordare rispettivamente Gino Bartali e Fausto Coppi

Gino Bartali e Fausto Coppi -

Gino Bartali e Fausto Coppi per anni sono stati i protagonisti assoluti del ciclismo mondiale. Due uomini e atleti straordinari che in sella hanno vissuto quella che probabilmente si può considerare come la più grande rivalità sportiva italiana. In questi giorni entrambi verranno ricordati con due eventi speciali.
 
Il Teatro racconta lo sport
 
A pochi giorni dalla partenza del Giro d’Italia 2019 (Bologna 11 maggio/ Verona 2 giugno) oggi vi parliamo di due incontri teatrali dedicati a queste due figure. Gino Bartali verrà celebrato giovedì 9 maggio (ore 21) al Teatro Sociale di Camogli con Gino Il Giusto, per la rassegna Teatro come Sport; Fausto Coppi, nel 100° anniversario della nascita, verrà invece raccontato in Fausto Coppi. L’Affollata Solitudine del Campione, lo spettacolo che il 13 maggio debutterà in anteprima nazionale presso il Borgo di Castellania, città natale del leggendario ciclista.   
 
Gino Il Giusto
 
A raccontare Gino Bartali sul palcoscenico saranno Aldo Grasso e Silvio Ferrari che ricorderanno la figura di questo grande campione, nominato «Giusto tra le Nazioni» nel 2013 dallo Yad Vashem, il Museo dell’Olocausto di Gerusalemme. Gino Il Giusto, un termine a lui affiancato per aver contribuito a salvare centinaia di ebrei perseguitati durante l’occupazione nazifascista. Negli anni ’40 Bartali infatti si adoperò per trasportare documenti segreti da Firenze alla basilica inferiore di S. Francesco in Assisi. Quelle carte, nascoste nel telaio e nella canna della bicicletta, sarebbero servite a fornire una nuova identità ai fuggiaschi ebrei e a salvarli dai persecutori. Un impegno silenzioso e gratuito che solo ora è stato reso noto al grande pubblico, grazie alle molte testimonianze date dai sopravvissuti.  L’incontro sarà accompagnato da documenti e filmati di repertorio sulla sua leggendaria carriera sportiva, la sua storia civile e la proverbiale rivalità con Fausto Coppi.
 
Fausto Coppi. L’Affollata Solitudine del Campione
 
Fausto Coppi. L’Affollata Solitudine del Campione, prodotto dalla Fondazione Circolo dei lettori e dal Teatro Stabile di Torino, rientra tra le iniziative del progetto della Regione Piemonte Storia di un Campione. 100 Anni di Fausto Coppi. Lo spettacolo - ideato da Gian Luca Favetto con Michele Maccagno, Gian Luca Favetto, Fabio Barovero - è un recital di parole e musica che vuole ricordare una delle più grandi figure del ciclismo mondiale. La storia di un campione, di una persona gentile e riservata diventata già in vita, al di là delle intenzioni, una leggenda. Un uomo sempre in fuga che riassume in sé la storia di quel lembo di Piemonte sud orientale che lo ha forgiato, di cui portava in giro per il mondo silenzi, tenacia, fatiche, asprezze e dolcezze. Anche attraverso le pagine di chi lo ha ammirato (da Dino Buzzati a Vasco Pratolini, da Orio e Guido Vergani a Curzio Mala¬parte), quello che andrà in scena è un racconto di vittorie e tragedie, di cadute e trionfi. Senza dimenticare quella competizione con quell'altro, il giusto, Gino Bartali
 
8 maggio 2019
Giacomo Aricò