Indie Music, l’omaggio a Brasile 2014 è “L’almanacco dei Mondiali”. Video

L’inno della scena musicale alternativa è di Inigo & Grigiolimpido

Si arricchisce la tracklist della colonna sonora italiana di Brasile 2014. Dopo il brano ufficiale dei Negramaro, “Un amore così grande”, il contributo a passo di samba di Mina “La palla è rotonda e l’inno rap “Maracanà” firmato Emis Killa, non poteva mancare l’inno della musica indipendente. Si chiama “L'almanacco dei Mondiali” e porta la firma degli Inigo & Grigiolimpido, band pugliese che nel 2012 si è aggiudicato il premio di “Miglior canzone d’amore indipendente” a Sanremo con il brano “Tutta un’altra guerra”.

L'almanacco dei mondiali” è un brano scanzonato che, tra cronaca e ironia, ripercorre le imprese degli Azzurri nei tornei internazionali: con una citazione da “Notti Magiche” e la voce di Bruno Pizzul si parte da Italia '90, primo vero trauma calcistico per il cantante, costretto ad assistere impotente alla “maledizione dei rigori” della nazionale italiana negli anni successivi. Fino al trionfo del 2006 e al contropiede della Slovacchia che mise prematuramente fine all’impresa sudafricana nel 2010.

Un brano perfetto per respirare l’atmosfera Mondiale, pubblicato dagli Inigo & Girgiolimpido a margine dell’album “Controindicazioni”, uscito a fine 2013 per Interbeat.

10 giugno 2014
Redazione LoSpettacolo