Evanescence: Amy Lee spiega Synthesis

La Band reinterpreta i suoi classici con un orchestra

evanescence -

Durante l'annucio di Synthesis era stato spiegato come questo progetto avrebbe reinterpretato i brani classici della band con il supporto di un'orchestra sinfonica e musica elettronica.

Ora Amy Lee entra nel dettaglio del progetto:

È diverso nel modo che sta proveniendo ancora dalle radici di ciò che Evanescence è stato concepito per essere.È davvero un bellissimo progetto. Molte delle nostre vecchie canzoni stanno ottenendo una nuova vita sperimentando con questa bellissima orchestra completa. Ci sono anche un sacco di elementi elettronici, alcuni sono sempre stati parte della nostra musica. Non c'è stata un'orchestra completa prima -è stata principalmente solo archi- ma rende tutto molto bello, classico ed epico e gradevole.

Sull'origine del progetto ha poi dichiarato:

Fondamentalmente, si lavora prima in demo e si creano semplicemente gli arrangiamenti delle canzoni. Ho passato tutte le sessioni master di "Bring Me To Life" e vorrei estrarre tutta la roba e ascoltarla, poi tagliarla e decidere 'Oh, forse questa parte deve essere più lunga. Forse questa parte all'inizio sarà solo archi e pianoforte'. Basta costruire una base. E lavorare con David Campbell, che ha fatto tutti gli arrangiamenti per "Evanescence" per tutti e tre gli album che ora sono fatti con l'orchestra completa, andando avanti e indietro con lui e con il nostro produttore Will e poi a vicenda, basta gettare idee in Dropbox e abbiamo finalmente registrato l'orchestra proprio prima di questo tour.

Parallelamente al lancio del disco la band quest'autunno intraprenderà un tour nel quale gli Evanescence saranno accompagnati da un'orchestra sinfonica completa.

21 giugno 2017
Pietro Sala