Deep Purple: Ian Paice colpito da ictus, ma non è grave

Il batterista è l'unico della band che mai cambiato dal 1968 ad oggi

Deep Purple -

Attimi di paura e apprensione per Ian Paice, batterista dei Deep Purple, colpito da un ictus nelle ultime ore e ricoverato d'urgenza in ospedale. La band inglese è stata così costretta ad annullare alcune date del tour europeo. La diffusione della notizia in giro per il mondo ha allarmato i fan del gruppo che hanno riempito i social con messaggi di auguri. Lo stesso Paice ha preso la parola sul sito ufficiale: "La mattina del 14 Giugno mi sono svegliato con la parte destra del mio corpo completamente intorpidita, non riuscivo a controllare i movimenti della mano destra né gli impulsi alle dita. Sono stato immediatamente ricoverato in ospedale dove mi è stato diagnosticato un 'mini ictus' o TIA (Attacco Ischemico Transitorio).

Le condizioni di Ian, l'unico componente della band mai cambiato dal 1968 ad oggi, non sono comunque gravi: "Mi hanno sottoposto ad una TAC e a tutta una serie di esami clinici approfonditi: per fortuna non sono state rilevate lesioni serie né permanenti. Al momento soffro di una leggera semi-paresi sul lato destro del volto e avverto un costante formicolio alla mano destra. La buona notizia è che sto riacquistando l'uso completo della mano piuttosto velocemente, perciò sono fiducioso e conto di poter riprendere a suonare la batteria entro il prossimo mese".

17 giugno 2016
Redazione LoSpettacolo