Steven Tyler: "Io come Casanova, metà uomo e metà donna"

Il leader degli Aerosmith: "Non sono gay, ma nelle mie canzoni c'è tanta energia femminile"

Steven Tyler -

"L'ultimo libro che ho letto? 'Storia della mia vita' di Giacomo Casanova. Lui era un po' come me, ma in un'altra era: mezzo uomo e mezzo donna". Quando parla Steven Tyler sono, quasi sempre, fuochi d'artificio: non ha fatto eccezione nemmeno nell'ultima intervista rilasciata alla rivista Rolling Stone, dove parla di fama, soldi, eroi e, ovviamente, la sua produzione con gli Aerosmith: "Dentro le nostre canzoni c'è un sacco di energia femminile - afferma il leader della band -. Ma non sto dicendo che sono gay. Sto solo dicendo che se prendi Paul McCartney noti che c'è un sacco di energia femminile nelle sue melodie, mentre in John Lennon sento unìenergia più maschile".

Tyler dice la sua anche sulla notorietà, che non sempre lo rende sereno: "Nonostante ami essere amato, oggi l'aspetto negativo è che tutti hanno una fotocamera nel telefono e quindi ti fanno ovunque una foto - dice il frontman, che poi rivela -. Ho una t-shirt con la scritta 'Go fuck your selfie' con cui giro per gli aeroporti. Non odio tutto questo, ma a volte la celebrità mi sembra simile a essere beccati a morte dalle galline". Idee confuse? Sicuramente in tema 'eroi' la risposta è ben più decisa: "Tutti quelli che sono sopravvissuti a un trauma - dichiara -. Gente come Dave Grohl, che avrebbe potuto morire con i Nirvana, invece da batterista è diventato cantante e chitarrista".

23 maggio 2016
Redazione LoSpettacolo