Max Biaggi si è ripreso: 'Bianca il mio Angelo Custode'

'Mi hanno sconsigliato di tornare a correre. Forse il golf'

Max Biaggi e Bianca Atzei - Foto Twitter

Lo scorso 9 giugno Max Biaggi ha visto la morte in faccia. Dopo diverse settimane, finalmente dimesso dall'ospedale San Camillo, il pilota racconta la sua esperienza.

Questa volta Dio lassù non mi ha voluto.

Molti hanno detto che sono sempre rimasto cosciente, ma non è così, probabilmente ho anche picchiato la testa. Per i primi tre giorni, anche a causa di tutta la morfina che mi davano, ero totalmente rintronato

Appena mi sono ripreso, il primario della rianimazione, Claudio Ajmone Cat, mi ha spiegato la gravità del trauma e mi ha detto che con questo tipo di trauma toracico maggiore sopravvive solo il 20 per cento dei pazienti. Lì, lo confesso, me la sono fatta addosso dalla paura

Bianca Atzei gli è stata vicina tutto il tempo, annullando concerti pur di stargli il più vicino possibile. I due erano già molto legati e questa esperienza non potrà che intensificare il loro rapporto.

Noi non ci stacchiamo mai già nella vita di tutti giorni. Avevo e ho un gran bisogno di lei. È il mio angelo custode, la persona che amo più di tutte al mondo

 

‪Raramente nel nostro cammino si incontrano anime gemelle o pseudo angeli. Beh! Io l'ho trovato e mi ha fatto sentire tutta la sua positività ,amore, e ogni volta che mi stringeva la mano quando ero in fin di vita o mi accennava un sorriso io come un bambino adolescente mi illuminavo di immenso. È una sensazione complicata per me da descrivere ma è stata la miglior cura che potessi mai avere. Questo angelo si chiama Bianca, la mia Bianca capace di sorprendermi con la sua caparbietà e devozione verso l'uomo che ama. ‬ ‪Perché vi dico questo? Perché quando una dramma si trasforma in un regalo divino diventa importante esternare amore verso chi ha dato tutta se stessa per farti sentire vivo quando in realtà lo eri poco. ‬ Ti amo piccola mia.

A post shared by Max Biaggi (@maxbiaggiofficial) on

Intanto il Centauro non pensa più alle corse:

Non mi pare saggio. Mi hanno suggerito il golf. Una buona idea, sperando di non farmi male anche lì...

In tutto ciò c'è stato spazio anche per i figli (avuti dalla precedente relazione con Eleonora Pedron), la sua vera forza:

Un’emozione pazzesca. Con loro cercavo di fare quello sano, ma più di tanto non ce l’ho fatta...

30 giugno 2017
Pietro Sala