Cristiano Ronaldo, la Mayorga ritira le accuse di stupro

Secondo Bloomberg, Kathryn Mayorga avrebbe firmato un "voluntary dismissal": caso chiuso

Kathryn Mayorga e Cristiano Ronaldo -

A circa dieci anni dall'ipotetico "fattaccio", è di queste ore la notizia che Kathryn Mayorga avrebbe ritirato le accuse di stupro mosse al calciatore della Juventus Cristiano Ronaldo. Se la cosa fosse confermata, il caso sarebbe definitivamente chiuso.

La notizia di Bloomberg

Secondo quanto riportato da Boomberg, Katheryn Mayorga, la donna che lo scorso autunno 2018 aveva denunciato il portoghese, accusandolo di violenza sessuale per un episodio avvenuto nell'estate 2009 a Las Vegas, ha infatti ritirato le accuse firmando e depositando presso la corte di stato di Las Vegas, in Nevada, un "Voluntary Dismissal". Di fatto, da facile traduzione, una rinuncia volontaria all'accusa. A quanto pare, tale documento sarebbe stato firmato il mese scorso. 

Un nuovo accordo tra le parti?

Quel che ancora non è chiaro è se la decisione di Kathryn Mayorga sia stata dettata da un nuovo accordo economico raggiunto con CR7. Sì, perchè quando il caso è scoppiato nei mesi scorsi, il settimanale tedesco "Der Spiegel" aveva pubblicato alcuni documenti, ottenuti attraverso il sito Football Leaks compreso un accordo riservato stipulato nel 2009 da Ronaldo con la Mayorga per non rivelare l’accaduto dietro pagamento di 375.000 dollari. Un accordo, sempre secondo indiscrezioni, fortemente voluto dall'allora nuovo club di Cristiano Ronaldo, ovvero il Real Madrid. La società spagnola, per evitare un danno di immagine - aveva appena messo sotto contratto il calciatore proveniente dal Manchester United - avrebbe spinto il calciatore a "sistemare" la questione economicamente.

Dieci anni dopo, l'epilogo

Kathryn Mayorga, all’epoca modella 25enne, nell’estate 2009 era stata violentata dal calciatore in una stanza d’albergo a Las Vegas, dove il portoghese era in vacanza. Il nome di CR7, nella denuncia che la Mayorga fece subito, non saltò fuori, proprio per via dell'accordo stipulato con i legali del calciatore. Che i due avessero "fatto amicizia" è cosa certa (ci sono foto e un video in discoteca che li vede vicini), ma su quello che è successo quella notte probabilmente non sapremo con certezza mai nulla. Dal canto suo, Cristiano Ronaldo si è sempre proclamato innocente: "Nego fermamente. Lo stupro è un crimine abominevole, contrario a tutto ciò in cui credo. Mi rifiuto di alimentare lo spettacolo mediatico creato da persone che cercano pubblicità a mie spese. Aspetterò con serenità l’esito di qualsiasi tipo di indagine perché la mia coscienza è pulita".  L'indagine ora è finita.

 
5 giugno 2019