Brexit, Sinead O'Connor esulta su Facebook e allontana l'ipotesi suicidio

La cantante era ricercata dalla polizia di Chicago dopo la denuncia di scomparsa

Sinead O'Connor. Foto Facebook - facebook

Un post su Facebook in cui esulta per l'esito del referendum Brexit che ha determinato la volontà dei cittadini britannici di uscire dall'Unione europea. E' così che Sinead O'Connor, ricercata dalla polizia di Chicago dopo l'allarme lanciato dalla famiglia per un nuovo possibile tentativo di suicidio dell'artista, ha dato proprie notizie. Poche righe, come al solito piene di improperi, in cui prima festeggia l'esito di Brexit ("Finalmente l'Irlanda non è più ufficialmente posseduta dalla Gran Bretagna"), quindi fa sapere di star bene: "E' una c...ata che mi sia buttata giù da un ponte, qualche stupida t...a ha deciso di alimentare il gossip".

Appena un mese fa, la O'Connor era stata ritrovata sana e salva dalla polizia di Wilmette dopo l'allarme lanciato dalla famiglia, preoccupata per alcuni messagi lasciati sui social che facevano presagire al peggio. Quindi la lettera piena di rabbia e disperazione, principalmente indirizzata all'ex marito John Reynolds, in cui si accusava la famiglia di averla abbandonata per avere tendenze suicide. Oggi la notizia della nuova scomparasa della 59enne artista irlandese, ricercata dalla polizia di Chicago sebbene non fosse stata ancora aperta una procedura ufficiale, prima che la stessa voce di Theology facesse avere notizie di sé ancora una volta tramite Facebook.

24 giugno 2016
Redazione LoSpettacolo