Loving Pirandello, Neri Marcorè nella XIII edizione

Al via a Torino il Festival Nazionale Luigi Pirandello e del '900 diretto da Giulio Graglia

Neri Marcorè -

Ha preso il via a Torino (10 giugno - 28 luglio) la XIII edizione del Festival Nazionale Luigi Pirandello e del ‘900, il festival piemontese dedicato al Premio Nobel siciliano, creato e diretto dal regista Giulio Graglia. In questa nuova edizione, intitolata Loving Pirandello: dalla Terra allo Spazio, il Festival ha avviato una collaborazione con il Polo del ‘900, una delle realtà culturali più significative del nostro territorio.

Loving Pirandello: dalla Terra allo Spazio

L’edizione 2019 del Festival Nazionale Luigi Pirandello e del ‘900 tratterà temi legati in particolare al mondo femminile, con testi scritti e dedicati alle donne e a ricorrenze importanti, come i cinquant’anni dall’allunaggio, avvenuto nel 1969: una scoperta fondamentale per l’umanità che il Festival desidera legare alla letteratura pirandelliana. A raccontare il programma (che si trova integrale su www.linguadoc.it) è stato il direttore artistico del Festival, Giulio Graglia:

Nell’edizione 2019 saranno tre i temi portanti: la figura della donna, la Luna, il ’69; viene dato ampio spazio a spettacoli realizzati e pensati da donne. Partendo dal Futurismo, si celebra il cinquantenario della Luna; senza dimenticare i 70 anni di Superga; per arrivare all’autunno caldo. Fra i talenti presenti siamo orgogliosi di poter annunciare un artista molto amato e stimato ovvero Neri Marcorè che è la nostra punta di diamante. Insomma, l’offerta è ampia e soddisferà, almeno questa è la nostra speranza, il pubblico che ci segue, attraverso spettacoli, incontri, video, musica e prosa. Da Torino e dal Polo del ‘900 il Festival si diffonde in più location fino a raggiungere Coazze, dove tutto ebbe inizio nel 1901 con Luigi Pirandello”.

Le location

Oltre alle location tradizionali: Il Circolo dei Lettori, il Circolo della Stampa Sporting e Coazze, alcune delle rappresentazioni teatrali del Festival Nazionale Luigi Pirandello e del ‘900 saranno localizzate dentro la struttura torinese che ha allestito nel cortile interno un nuovo spazio con circa 200 posti a sedere e un palcoscenico di grande impatto tecnico e scenografico. L’apertura alla città del cortile è stata resa possibile grazie al sostegno della Compagnia di San Paolo, che è anche sostenitore del Festival. A questi luoghi si aggiunge il Parco della Tesoriera, grazie alla collaborazione con Simone Schinocca di Tadacà e Mercato Centrale Torino nuovo spazio cittadino che lega l’arte culinaria a quella dei grandi eventi culturali del territorio.

13 giugno 2019
Redazione