Trump presidente, Capitan America: "Sono devastato"

Chris Evans, l'attore reso celebre dai film della Marvel, si scatena su Twitter

Chris Evans - Foto www.imagephotoagency.it

L'elezione di Donald Trump alla Casa Bianca ha provocato fin dalle prime ore della giornata un fiume di reazioni: nei talk show televisivi, nei bar tra la gente comune e ovviamente sui social network. Tra la marea di tweet se ne segnala uno che ha una valenza molto particolare: quello (anzi, quelli) di Chris Evans, il 35enne attore statunitense divenuto celebre anche alla sua interpretazione di Capitan America nei film della Marvel: il personaggio dei fumetti, nato come strumento di propaganda durante la Seconda guerra mondiale, è divenuto a partire dagli anni Sessanta una sorta di coscienza reale degli Stati Uniti, con una sensibilità e un'umanità che lo contraddistinguono.

E una volta venuto a conoscenza del risultato delle elezioni presidenziali americane, col successo del repubblicano Trump sulla democratica Hillary Clinton, Chris Evans ha pubblicato due post al vetriolo sul proprio profilo Twitter: "E' una notte imbarazzante per l'America - si sfoga l'attore -. Abbiamo lasciato il nostro grande Paese nelle mani di un mercante d'odio, abbiamo lasciato un bullo a tracciare la nostra strada. Sono devastato". E a distanza di 12 ore dal primo post, Evans ne ha pubblicato un altro improntato a un altro spirito: "Basta paura, solo ottimismo speranzoso - le sue parole -. Lascerà che sia l'amore a essere la mia guida. Tutte le mie energie saranno d'ora in poi orientate a proteggere i diritti di tutti gli americani".

9 novembre 2016
Redazione LoSpettacolo