Star Wars: Han Solo: LucasFilm licenzia Lord e Miller a metà film

La pellicola rimarrà in standby finchè non si troverà un sostituto

Il cast del nuovo film di Star Wars dedicato a Han Solo - Foto Twitter

Non se lo aspettava nessuno, in primis i due registi interessati:

LucasFilm ha licenziato Phil Lord e Chris Miller a metà della produzione dello spin off su Han Solo.

In merito i due hanno dichiarato:

Sfortunatamente, la nostra visione e il nostro processo creativo non erano in linea con i nostri partner su questo progetto. Normalmente non siamo fan della frase ‘divergenze creative’, ma per una volta il cliché è vero. Siamo molto fieri del nostro incredibile cast e della nostra troupe

La decisione è stata presa direttamente da Kathleen Kenedy: sin dall’inizio delle riprese, a febbraio, i due registi si sarebbero scontrati con lo storico sceneggiatore della saga Lawrence Kasdan, tendendo inanzitutto a improvvisare molto sul set, quando apparentemente, per mantenere il suo universo coeso, alla LucasFilm si preferisce che venga rispettato quanto è stato deciso dallo Story Group e dai propri sceneggiatori.

Sembra inoltre che ci fosse anche un problema di fondo sulla comprensione del protagonista, che i registi stavano inquadrando come personaggio comico quando nella realtà “il pubblico deve capire che è sarcastico ed egoista”.

A proposito della sua decisione, la presidentessa di LucasFilm ha dichiarato:

Philip Lord e Christopher Miller sono registi di talento che hanno messo insieme un cast e una troupe incredibili, ma è diventato evidente che avevamo visioni creative diverse su questo film, e così abbiamo deciso di prendere strade diverse

Le riprese del film sono state bloccate e si cerca un sostituto per la regia: si fanno già i nomi di Ron Howard, Joe Johnston o lo stesso Kasdan (scelta quest'ultima che appare difficile per via del regolamento del sindacato dei registi che impedisce che qualcuno che sta già lavorando a un film funga da rimpiazzo come regista)

21 giugno 2017
Pietro Sala