Salvatores dal cinema al teatro: esordio alla Scala con "La Gazza Ladra"

Il debutto del regista premio Oscar il 12 aprile con l'opera di Rossini

Gabriele Salvatores. Foto Facebook -

L'appuntamento è per il 12 aprile alla Scala, quando tornerà in scena la Gazza Ladra di Rossini. L'ultima volta a Milano era successo nel 1841.
 
Di per se questo sarebbe sufficiente a sottolineare l'importanza dell'evento, ma in questo caso si tratta anche del debutto di Gabriele Salvatores, premio Oscar nel 1991 per Mediterraneo, alla regia di un opera teatrale. E un nome di tale peso non poteva non portare un po' di spettacolarità a teatro.
 
"Una gazza acrobata in stile Cirque de soleil, che volerà riempiendo lo spazio scenico". Questa l'idea di Salvatores: la gazza "volerà" per davvero, interpretata dall'acrobata Francesca Alberti.
 
A dirigere la musica, il maestro Riccarco Chailly, che con il regista si è subito trovato in sintonia sui pezzi di Rossini. "La musica di Rossini sembra andare sopra i personaggi come un'entità superiore" ha detto Salvatores "Mi ha fatto venire in mente le parole di Meir Shalev: 'gli uomini fanno i loro progetti e dall'alto gli dei sorridono della loro ingenuità'"
 
L'opera verrà rappresentata nella sua versione integrale: 3 ore e 40 minuti. Secondo il regista "L'opera non richiede tagli: ne avrebbe perso il senso teatrale".
 
4 aprile 2017
Pietro Sala