Quentin Tarantino: "Mi fermerò al decimo film"

Il regista di Pulp Fiction avrebbe davanti a sé ancora due pellicole

Quentin Tarantino -

Durante la Adobe Max creativity conference a San Diego Quentin Tarantino ribadisce la volontà di chiudere la sua carriera da regista al decimo film. Secondo questo annuncio, dopo "The Hateful Eight" (ottavo lavoro dell'artista originario di  Knoxville), mancherebbero ancora solo due pellicole prima di abbandonare per sempre il mondo del cinema: "Non l'ho inciso nella pietra - afferma -, ma questo è il mio piano. Arrivare al decimo, per fare un buon lavoro senza rovinare tutto, suona come un buon modo per terminare una vecchia carriera".

Sono passati 24 anni dall'uscita nelle sale del suo primo film, "Le Iene". Da allora, con la media di una pellicola ogni tre anni, sono stati girati altri sette lavori tra cui "Pulp Fiction" e "Django Unchained" con cui ha vinto i due Oscar per la migliore sceneggiatura originale. A inizio 2016 Tarantino ha anticipato di voler girare un nuovo film alla 'Bonnie e Clyde' ambientato nell'asutralia del 1930 ma il progetto è ancora in fase di partenza. "Se tutto va bene, quando finirò la mia carriera sarò considerato uno dei più grandi registi della storia. E dirò di più, un grande artista, non solo un filmmaker".

4 novembre 2016
Redazione LoSpettacolo