Virzì va negli Usa per "The leisure seeker"

Il regista pronto per il suo debutto in inglese con Donald Sutherland e Helen Mirren

Micaela Ramazzotti e Paolo Virzì - Foto www.imagephotoagency.it

E' già tempo di nuove sfide per Paolo Virzì. Il cineasta livornese, fresco del successo ai "Nastri d'Argento" di Taormina dove ha vinto 5 premi con il suo ultimo capolavoro, "La pazza gioia", film con Micaela Ramazzotti e Valeria Bruni Tedeschi, è pronto a partire per gli Stati Uniti dove dal prossimo 18 luglio inizierà le riprese in Georgia di "The leisure seeker", il suo primo lungometraggio in lingua inglese con due star come Donald Sutherland e Helen Mirren.

"Mi hanno fatto leggere alcuni anni fa, mentre ero sul set de 'Il capitale umano', questo piccolo libro americano un po' sconosciuto, che raccontava una storia da cui è venuto uno spunto. Ho continuato a pensarci e l'idea è risortita fuori prepotente", ha detto Virzì all'Ansa. La storia, tratta dall'omonimo romanzo di Michael Zaadorian, parla della fuga di una coppia anziana che sta affrontando diverse difficoltà - lei è piena di problemi di salute e lui comincia a non ricordarsi le cose più semplici - e decide di attraversa gli Stati Uniti in camper.

"E' una grande scommessa. Sapevo di poter realizzare il film solo con due grandi star in questi ruoli. Avevo fatto come nomi 'da sogno', che credevo impossibili, Helen Mirren e Donald Sutherland. E loro non solo mi hanno detto sì, ma hanno chiesto anche di iniziare la lavorazione subito". Sul girare in inglese Virzì ha aggiunto: "Da una parte mi diverte, mi affascina, perchè mi metterò alla prova. Dall'altra, certo, un po' mi preoccupa, perchè fra gli strumenti di lavoro di un regista c'+ soprattutto la lingua, diciamo che mi sto impratichendo".

2 luglio 2016
Redazione LoSpettacolo