La figlia di Paolo Villaggio: "Il cinema ha abbandonato mio papà"

Post su Facebook di Elisabetta che poi rettifica: "Non volevo scatenare un putiferio"

Paolo Villaggio e la figlia Elisabetta - Foto Facebook

E' bastato un post di Elisabetta Villaggio, la figlia di Paolo, per scatenare l'ennesima polemica social. Due giorni fa la figlia del mitico ragionier Fantozzi aveva pubblicato sul proprio profilo Facebook una foto insieme al papà corredata dal seguente commento: "Non starà al meglio, certo. Ma il cinema italiano lo ha abbandonato, invece mio padre c'è". Il post ha immediatamente fatto il giro del web provocando una serie di reazioni da parte dei tantissimi fan di Paolo Villaggio. In tanti si sono schierati al suo fianco manifestandogli solidarietà, ma non sono mancate le voci critiche di chi ha trovato di cattivo gusto l'uscita della figlia Elisabetta. 
 
La quale, evidentemente travolta dagli eventi e dalle reazioni, si è sentita in dovere di pubblicare una sorta di rettifica attraverso un post successivo: "Non volevo scatenare un putiferio - le sue parole -. In realtà volevo solo dire che a mio padre manca molto il cinema, la sua grande passione alla quale ha dedicato tutta la vita. Grazie". L'ultimo film di Paolo Villaggio risale al 2012: in "Tutto tutto niente niente" diretto da Giulio Manfredonia, con Antonio Albanese nei panni del protagonista Cetto La Qualunque, aveva interpretato il ruolo di un improbabile Presidente del consiglio.

31 marzo 2017
Redazione LoSpettacolo