Festival di Berlino: Orso d'oro a "On Body and Soul"

Il film della regista ungherese Idico Enyedi si aggiudica la 67esima edizione

Idico Enyedi - Stopframe Youtube

Va a "On Body and Soul" della regista ungherese Idico Enyedi la 67esima edizione del Festival di Berlino: il film una storia d'amore tra un'addetta al controllo delle carni e il suo capo che ha un braccio offeso, batte la concorrenza di "The Other Side of Hope", il lavoro sui migranti di Aki Kaurismaki che si deve accontentare dell'Orso d'argento alla regia. Decisione non gradita a Kaurismaki che sul palco, al momento di ritirare il premio, non fa nulla per nascondere la delusione.

L'Orso d'oro della giuria va a Felicité di Alain Gomis: è la storia di una cantante di Kinshasa che ha bisogno di soldi per curare il figlio. Orso d'argento Alfred Bauer a Spoor di Agnieszka Holland, mentre "Una Mujer Fantastica" del cileno Sebastian Lelio si porta a casa il premio per la migliore sceneggiatura: il film parla di una trans-coraggio (Daniela Vega) che rivendica con forza sia la propria identità sessuale sia i diritti che le spettano a seguito della scomparsa del compagno. Infine i riconoscimenti indiviuali: Kim Minhee vince l'Orso d'argento per la miglior attrice in "On the Beach at Night Alone" del coreano Ang Sang-soo; George Friedrich ("Bright Nights") è il miglior attore.    

19 febbraio 2017
Redazione LoSpettacolo