Festival Mix Milano, a giugno sarà Love Riot

Il 33° Festival tematico di cinema e cultura queer celebra i 50 anni di rivoluzione da Stonewall

Festival MIX Milano -

Dal 20 al 23 giugno, tra il Piccolo Teatro Strehler e il Piccolo Teatro Studio Melato di Milano, si terrà l’edizione numero trentatré del Festival MIX Milano di Cinema Gaylesbico e Queer Culture, la più importante cinematografia e produzione audiovisiva LGBTI internazionale e nazionale che sarà diretta da Andrea Ferrari, Debora Guma e Rafael Maniglia
 
Celebrando i 50 anni da Stonewall
 
Occasione di incontro, scambio, approfondimento e intrattenimento sulla narrazione e rappresentazione della cultura queer e delle pratiche di diversity&inclusion, quest’anni il Festival Mix celebrerà i 50 anni delle Rivolte di Stonewall (28 giugno1969). Per questo motivo i direttori hanno scelto di sottotitolare la manifestazione con un significativo Love Riot! Ecco le loro parole:
 
Siamo stat* punk ma non contava il numero dei piercing perché eravamo già “soggetti eccentrici” come diceva Teresa de Lauretis o “checche rivoluzionarie” come preferiva Mario Mieli. Abbiamo lottato usando come unica arma i nostri corpi, sfilando con orgoglio in strade che diventavano di anno in anno meno ostili mentre nei sottoscala le nostre associazioni creavano ogni giorno cultura e quindi un pezzetto di libertà in più. Oggi a 50 anni da Stonewall, sentiamo la necessità di ribadire l’impegno a non abbassare, e non fare abbassare, l’attenzione per continuare nella costruzione di un mondo che non si fondi sulla sottrazione bensì sulla moltiplicazione di diritti, vite, fantasia, possibilità, sogni per tutti i generi, le etnie e le minoranze, quelle che vediamo oggi e quelle che emergeranno domani”.
 
Il manifesto e i film
 
Il 33° Festival MIX Milano di Cinema Gaylesbico e Queer Culture sarà ulteriormente approfondito nell’ormai tradizionale Manifesto del festival, quest’anno a cura di due icone del movimento LGBTI italiano, entrambe ospiti del festival: Elena Biagini, autrice e storica attivista lesbica e Porpora Marcasciano, Presidente onorario del MIT - Movimento Identità Trans e vice presidente dell’ONIG - Osservatorio Nazionale Identità di Genere. Spazio poi ai film della migliore cinematografia indipendente gay lesbica e queer, con un cartellone di circa 60 titoli suddivisi tra Lungometraggi, Documentari e Cortometraggi. 
 
Shooting The Mafia, un evento speciale
 
Come evento speciale, verrà presentato Shooting the Mafia, film che la regista Kim Longinotto ha dedicato a Letizia Battaglia. Presentata in anteprima assoluta al Sundance Festival e in arrivo in anteprima italiana al Biografilm Festival – International Celebration of Lives 2019, l’opera regala un intenso ritratto privato e professionale della Battaglia, sullo sfondo di un periodo storico segnato dal sangue delle vittime mafiose. Oltre al cinema, ci saranno anche tanti altri eventi collaterali, tra letteratura, teatro e musica.
 
10 maggio 2019
Giacomo Aricò