Cinema: è morto Philip Seymour Hoffman

Il 46enne attore americano trovato senza vita nel suo appartamento a Manhattan

Joaquin Phoenix e Philip Seymour Hoffman in "The Master". Foto Lucky Red - lucky red

Cinema in lutto per la scomparsa di Philip Seymour Hoffman. Il 46enne attore americano è stato trovato senza vita nel suo appartamento di Manhattan come riferito dal Wall Street Journal. Secondo il New York Post, che cita fonti di polizia, Seymour Hoffman sarebbe morto di overdose: lo scorso anno era stato ricoverato in un centro di riabilitazione per abuso di eroina.

Attore e regista di cinema, ma anche di teatro, Seymour Hoffman aveva vinto l'Oscar come migliore attore protagonista nel 2006 per l'interpretazione nel film Capote. Durante la sua carriera aveva inoltre ricevuto tre nomination come migliore attore non protagonista: nel 2008 per La guerra di Charlie Wilson, nel 2009 per Il dubbio e nel 2013 per The Master. Tra le sue interpretazioni si ricordano anche quelle in Boogie Nights (1997), Il grande Lebowsky (1998), Il talento di Mr. Ripley (1999) e Magnolia (1999).

Seymour Hoffman lascia tre figli (un maschio di 11 anni, una bimba di 7 e una di 5) avuti dalla compagna Mimi O'Donnell, costumista conosciuta nel 1999 in Arabia Saudita sul set dell'opera teatrale We'd All Be Kings da lui diretta.

2 febbraio 2014
Redazione Lo Spettacolo