Cinema made in Italy: il più potente è Checco Zalone

Il comico guida la Top 50 dei personaggi che contano nell'industria cinematografica

Checco Zalone e Robert Dancs in "Sole a catinelle" -


Altro che risate e comicità spensierata: Checco Zalone, recordman al botteghino grazie ai 65 milioni di euro incassati con "Quo Vado?", può essere considerato a tutti gli effetti il "padrone" del cinema italiano, o meglio il personaggio considerato più potente. Lo rivela la Top 50 Talents, ovvero la classifica stilata dai periodici cinematografici Ciak e Box Office, secondo cui il comico pugliese è l'uomo che conta di più nel panorama dell'industria cinematografica.

Al secondo posto si piazza Paolo Genovese - grazie alla commedia brillante "Perfetti sconosciuti", mentre il gradino più basso del podio è riservato a Paolo Sorrentino, atteso alla Mostra del cinema di Venezia con la serie tv "The Young Pope". Ai piedi del podio ci sono - nell'ordine - nomi come Carlo Verdone, Paolo Virzì e Christian De Sica.

Volgendo lo sguardo al futuro, Ciak e Box Office delineano anche i grandi nomi sicuri protagonisti della prossima stagione. Tra gli attori e registi pronti a entrare in classifica nei prossimi mesi ci sono Aldo Giovanni e Giacomo, che brindano ai 25 anni di carriera col nuovo film "In fuga da Reuma Park", Alessandro Siani (in sala a partire da Capodanno con "Mister Felicità"), il duo comico Ficarra e Picone, e Ferzan Ozpetek con "Rosso Istanbul".

31 agosto 2016
Redazione LoSpettacolo