Checco Zalone: "Lasciare il cinema? Fatemi fare reddito!"

Al Salone del Libro di Torino, show dell'attore che poi si esibisce al piano: folla in delirio

Checco Zalone e Robert Dancs in "Sole a catinelle" -

"Abbandonare il cinema? Ho fatto solo quattro film, fatemi fare un po' di reddito". Quando parla Checco Zalone le risate sono assicurate. E non sono mancate neanche al Salone del Libro di Torino dove centinaia di persone hanno preso d'assalto il comico pugliese, che ha risposto a domande di giornalisti e fan: "Penso che più passano gli anni e più è difficile far ridere per un uomo - afferma l'attore, giunto alla rassegna per la presentazione del libro che il critico Gianni Canova ha scritto su di lui -. Non voglio far sembrare tutto un 'marchettone' quindi vi dico di non comprarlo perché non ne vale la pena, e io non ho manco una provvigione".

Giù altre risate dei fortunati riusciti ad entrare nella Sala Gialla dopo ore e ore di fila. "Nella mia carriera non mancano momenti difficili, per esempio il fatto di venire qui mi ha fatto passare una notte insonne - scherza Zalone, che poi rincara la dose -. Sono frustrato, non ho niente di intelligente da dirvi, quando mi vengono ve le dico". Accanto a lui Michele Emiliano, governatore della Regione Puglia, che se potesse lo farebbe "baronetto". "Il comico è un lavoro umile, come farei a farlo d'ora in poi - si domanda sorridendo Checco, che poi chiude un'imitazione di Vendola e un'esibizione al pianoforte -. E' la canzone del mio primo film che piace tanto ai bambini. E quando piacciono ai bambini sono contento".

13 maggio 2016
Redazione LoSpettacolo